Ada Mascolo

immagine-x-testo-ADEThe interior universe of the artist takes shape gradually inside the pristine surface of the painting, seemingly germinating from her most intimate womb, rather than being mechanically superimposed from the outside. The delicateyet vivid chromatic splotches bloom on the canvas, paper or fabric like imaginary flowers of the biological unconsciousness, ardent and succulent flowers in which naked female or male bodies become entangled or joined in a perfect and sensual symbiosis of forms.

An apparent contrast is generated by the particular combination of her medium and message: the ethereal feeling produced by watercolour, that intangible painting technique tied to pneumatic fluidity, the sublime lightness of the extreme superficiality combined with more corporeal roots and a personal earthy profundity; a volcanic wellspring of archaic human passions, impulses, and instincts that are transformed – through a skilful and unperceivable artistic alchemy as well as a wise and rigorous virtuosity – into a wide range of pure emotions and interior vibrations. An energetic and vital plexus similar to a prototype of anima mundi. The artist’s soul.  

This is why Ada Mascolo’s spherical art, lacking in verticality, is mainly unpolitical and unhistorical, and speaks a universal and eternal language. It simultaneously deciphers and codifies life in an indispensable yet elusive human dimension, one that is often forgotten and stifled by the material and rigidlygeometrical mesh of everyday life.

Mascolo moves on tiptoe with beguiling and exhileratinggestures that are both decisive andgentle. Bright and subtle colours flow onto the canvas with an expansive motion instead of being spread by single brush-strokes: this too is an augmentative process inspired by an organic evolutionary metaphor, of which the artist masterfully controls the development, limiting chromatic interferences and blending, thus creating compositions that seemingly result from spontaneous generation. Ada Mascolo does not copy external reality; on the contrary, sherenders visible an interior reality which is poetic, sensual and intensely feminine. Her chrystal-clear voice does not shout great prophecies; itwhispers little secrets, like rain drops imprintedon the snow-white skinof the canvas.

The artist is the means through which the journey can take place into the world hidden inside of us. She uses the white sheet of paper as an endless well, for which the courage to dip into itmust be found and from which an infinity of suggestions and knowledge can be drawn. Both in the more airy and lively works and in this latest series Ade (Hades), in “shades of black”, Mascolo explores the dark corners of the mind, the shadowy zones of consciousness. The choice of black for Ade is the response to a quest for expressive sincerity. Black is the synthesis of all colours,including all of them while simultaneously hiding them, just as the Ego holds and conceals our mutable and multiple essence. Black translates an almost physical need for the annihilation of theself into a rebirth of a more real awarenessof one’s own identity.

Ade is a precipitous descent into the obscure depths of utter silence, because it is only fromsilence thata new sound and being can arise. Returning to silenceis a way to start from scratchonce again, to get rid of all the superstructures and masks that we have to wear or are used towearing everyday. On closer inspection, the nineteen protagonists of Ade, that at first glance(and following a millenary theatrical and iconographic tradition found in a variety of cultures) seem to mask, enshroud or veil the subject – screens that separate the self from the others – upon closer look, reveal themselves to perhaps be the most authentic faces of mankind, showing what is usually hidden and what remains after the painter’s experimental and spiritual work during her personal journey going back to deep inside herself.Here the foreboding of loss is a transparent echo among the dark and soft folds, like the petals of a jet-black flower. Ade intrinsically conveys a sense of loss and fear, but also the hidden multiformity of being and self-rediscovery.  Once and a thousand times Ada.

Veronica Liotti, Turin, June 8, 2012 http://veronicaliotti.blogspot.it/

Ada Mascolo

I felt I had become a little insect. An insect that was trying to work its way between the petals of an enormous flower, where dense nectar, pollen and soft hair were awaiting me. They were yearning for my intrusion and my presence. (Murakami Haruki, The wind-up bird chronicle).
I have imagined the pages by Ada Mascolo fluttering about, these sheets steeped in light. I have watched them sailing lightly here and there, as if rummaging around the world looking for something, and then they return to crouch beside the big picture that generated them, in a new order, a composition that has the power of anything that starts out fragile but becomes sure of itself with self-reinforcement. They can be read in this way, one beside the other, like verses of an abstract poem with no weight. But one might also choose one of these distracted, dreamy marks and make it travel on, think of it landing somewhere else and starting to blossom again. A flourishing plant or a seed that has yet to sprout, this kind of painting is certainly linked with growth, with nature which will not be stopped. Indeed, with life. Here are the petals of blood, pulsating flowers, juice of the clouds of dawn, winds of strawberries and cherry rays that surround us. For Ada, man, or rather woman – the universe she creates and nourishes is decidedly feminine – feels the heartbeat of the world that surrounds her, lives with the same intake of breath. If I evoke her while painting I see her in the open air, in the act of impressing on the paper or canvas the reflection of the natural world, the souls olittle things, those which do not shout domineeringly to make their presence felt. Those which you simply have to wait for. And recognise. Applying a little patience. Right from the start I thought how much I would like to meet an artist who whispers, who never raises her voice and chooses obstinately and with constancy to go in search of what silence has hidden in it. Sometimes, from this starting point, Ada decides to tackle a crescendo in her tenuous tones, but always with care not to force the harmony. This time she has chosen a symphony in red: the big canvas in which the colour moves, wriggles, transforms and frees its energy. Yet everything is controlled. In her work there is always this double thrust: chance, which invents, and the hand which guides, giving the rhythm, the time. Lately Ada has been using her paintbrush less and less, leaving the poured colour to move about and give lavish form, while her eye keeps an undaunted check on the undulation of the page. We see in fact only what she intends us to, as if it were a true instance of the exactness of chance. Ada’s colours, not made rigid by the order imposed by a brushstroke, behave as Borges might say, “like streams which respect their banks”. They already know what to look for. And they find it. They curve, they follow each other, they cross each other’s paths.It is true, as John Berger points out, that no method is perfect and if it were we would only be unpleasantly astonished. What we love, after all, are the very imperfections: here one may delight in tones which fade or flame up, in the uncertainty of an image, on the discoloured edge which is a little frayed, in whatever the page has collected, but also in what it has lost. Then there is the magic of a gesture, gradually revealed to be unrepeatable. Ada’s first step was to make the picture. The drawings, like the dandelion clocks that I have seen floating around the garden of her studio in spring, seem to have exploded from there: splinters, traces, signs spread around, climbing the walls of the gallery. If you stand for a while in front of the works you feel you are sucked in and at the same time protected. Mascolo’s universe is liquid: you can admire its brightness on the surface or choose to enter into it, allow yourself to be infolded in a substance in which shapes and strengths give no resistance, just as if Ada had created worlds of water to immerge in. Seabeds coloured like the dawn. Then there is the tree. This too is in fragments; apparently it wants to measure the vague limit between the earth and the sky through a small constellation of surprises. Like Tuba, the plant of the Qur’an which grows with its roots upwards, here too we cannot be sure which is the beginning and which the end, if indeed there is one in all this process of transformation. “Just as for trees,” Elif Shafak has written, “what allows human beings to grow and to survive are their roots. But unlike trees, the roots of human beings can travel.” Those in Ada’s work seem to arrive from who-knowswhere and to bring with them the memory of what they have seen far away. And they restore the beginning to us, the start of things.
Lea Mattarella, July 2009

Ada Mascolo – a 360°

The metaphor of a connecting thread is mainly a euphemism in the case of this solo exhibition by Ada Mascolo (Turin, 1970). First of all, because of the theme echoing among the watercolors on Arches paper, the canvas-covered cardboard tablets and the large silk canvas, you could almost say that a story unfolds; secondly, what the artist from Turin stresses is precisely its linearity, yearning to tear that thread of Ariadne’s memory. Mascolo’s operation could thus be read as a destabilization of the gaze of the casual viewer, as well as those who have been interpreting her work for some time. Seeing that so often a “consolatory” reading has been given, that of weak “thought” in the sense that brings to mind Vattimo and the homonymous characterization of the female gender.Radically changing perspectives, the installation entitle 360° would attract the usual critical positions, only to then be broken up from within, with dia-bolical grace. The entire operation takes place under the sign of the tension between pairs of opposites that clash only upon a second reading, to then – going even deeper – give rise to a visual sublimation. In other words, it appears to be a work that is stable, whereas in reality, it is based on a precarious balance supported by a grid of interconnected opposites. You might begin by observing the dynamics established within each of the small watercolors worked in plaster, and which are developed within the square formed by the 81 artworks. Where their points of intersection are a reality and dream, a study of everyday life and a dream of flight, nature represented by plants springing from the living culture exemplified by the furniture and floor tiles. The spectacularly plush result is a suspension of the space-time coordinates, occurring not by abstraction but by accumulation. That’s why the corner-turning title is an indication referring to a total space, but also to the circularity of time. The context underlined in this way therefore cannot be understood to be a neutral background for the female figure who inhabits it, yet escapes it, or even better, who floats within it as if the enforced laws of gravity had been suspended à jamais. The categorial collapse spreads to the technical aspects, so, for example, the treatment seems to be chroma and vice versa, and it’s not just a coincidence that Ada Mascolo prefers her watercolors, smoothing the boundaries in a way that’s far from pathological. Thus, at the end of the investigation, the opposition between narrative and form yields, since although a certain sequence among the dozens of tablets, the silk and the watercolors on paper is undeniable, it is the also result of a decision made by the observer, and particularly, because of the formal elements directing the vision itself.

Marco Enrico Giacomelli, march 29, 2005

Ada Mascolo

immagine-x-testo-ADEL’universo interiore dell’artista matura gradualmente dentro la superficie vergine del dipinto, sembra germogliare a partire dal suo grembo più intimo, anziché provenirvi dall’esterno con un gesto di sovrapposizione meccanica. Dalla tela, dalla carta o dal tessuto, le macchie cromatiche, delicate e al contempo vivide, sbocciano come fiori immaginari dell’inconscio biologico, fiori ardenti e carnosi, nei quali corpi nudi, femminili o maschili, si avviluppano o congiungono in una perfetta e sensuale simbiosi di forme.

Si genera una singolare combinazione, un apparente contrasto, tra tecnica e messaggio: l’effetto etereo prodotto dall’acquerello, impalpabile medium pittorico legato alla fluidità pneumatica, alla sublime leggerezza dell’estrema superficialità, si combina con la radice più corporea, con una personale profondità tellurica, vulcanica scaturigine di passioni, pulsioni, istinti umani arcaici che si trasformano – attraverso un’abile e impercettibile alchimia artistica nonché grazie a un sapiente e rigoroso virtuosismo – in una vasta gamma di emozioni pure, di vibrazioni interiori. Un plesso energetico e vitale simile al prototipo di un’anima mundi. L’anima dell’artista.

L’arte sferica di Ada Mascolo, del tutto priva di verticalità, soprattutto per questa ragione è impolitica e astorica, parla un linguaggio eterno e universale. Decifra e al contempo ricodifica la vita in una dimensione umana ineliminabile e insieme sfuggente, sovente obliata e soffocata nella rete materica e rigidamente geometrica del quotidiano.

Mascolo si esprime in punta di piedi con gesti avvolgenti e coinvolgenti, decisi e gentili al tempo stesso. Il colore, limpido e sottile, cola liquido sulla tela con un moto espansivo, piuttosto che essere steso a singole pennellate: un processo accrescitivo, anch’esso ispirato a una metafora di evoluzione organica, di cui l’artista controlla magistralmente lo svolgersi, circoscrivendo le mescolanze e le interferenze cromatiche, e creando composizioni che sembrano frutto di generazione spontanea. Ada Mascolo non copia la realtà esterna, ma rende visibile una realtà interiore poetica, sensuale e profondamente femminile. La sua voce cristallina non urla grandi profezie, ma sussurra piccoli segreti, come gocce di pioggia impresse sulla pelle candida della tela.

L’artista è il tramite grazie al quale può avere luogo il viaggio nel regno nascosto dentro di noi. Ada Mascolo utilizza il foglio bianco come un pozzo privo di fondo, nel quale bisogna trovare il coraggio di tuffarsi e dal quale è possibile trarre infinite suggestioni e conoscenze. Sia nei lavori più ariosi e vivaci sia nella più recente serie Ade, in “scala di nero”, Mascolo esplora gli angoli bui della mente, le zone d’ombra della coscienza. La scelta del nero per Ade è la risposta a una ricerca di sincerità espressiva. Il nero rappresenta la sintesi di tutti i colori, li contiene tutti e contemporaneamente li copre, come l’Io trattiene e cela la nostra essenza mutevole e molteplice. Il nero traduce un bisogno quasi fisico di annullamento di sé, per poter rinascere a una più vera consapevolezza della propria identità.
Ade è una discesa a precipizio nei cupi abissi del silenzio assoluto, perché solo nel silenzio può generarsi un suono nuovo e un nuovo essere. Tornare al silenzio è un modo per ripartire dal grado zero, per sgombrare tutte le sovrastrutture e le maschere che quotidianamente siamo costretti o abituati a indossare. A ben guardare, i diciannove protagonisti di Ade, che a prima vista (e secondo una millenaria tradizione teatrale e iconografica riscontrabile in svariate culture) sembrano maschere, coperture, velature del soggetto – diaframmi che lo separano da sé e dagli altri – sono forse gli autentici volti dell’umano, ciò che è solitamente celato e che rimane dopo il lavoro sperimentale e spirituale della pittrice, durante il suo personale viaggio a ritroso e dentro di sé. Qui l’inquietudine dello smarrimento è un’eco trasparente fra i drappeggi scuri e suadenti come petali di una corolla corvina. Ade porta con sé il senso della perdita e della paura, ma anche la multiformità nascosta dell’essere e della riscoperta di sé. Una e mille volte Ada.

Veronica Liotti, Torino, 8 gennaio 2012, http://veronicaliotti.blogspot.it/

 

Ada Mascolo

Mi sembrava di essere diventato un piccolo insetto. Un insetto che cercava di intrufolarsi fra i petali di un enorme fiore, dove mi aspettavano nettare denso, polline, morbida peluria. Che anelavano alla mia intrusione e alla mia presenza. (Murakami Haruki, L’uccello che girava le viti del mondo).

I fogli di Ada Mascolo, le sue carte bagnate di luce, li ho immaginati svolazzanti. Li ho visti andare di qua e di là, leggeri, come a frugare il mondo in cerca di qualcosa, per poi tornare ad acquattarsi accanto al grande quadro che li ha generati, in un nuovo ordine, in una composizione che ha la potenza di ciò che nasce fragile ma diventa sicuro, si rafforza da sé. Si possono leggere così, uno accanto all’altro, come versi di una poesia astratta e senza peso. Ma si può anche scegliere una di queste macchie svagate e sognanti e farla viaggiare ancora, pensare che si posi da qualche altra parte e lì ricominci a fiorire. Pianta rigogliosa, oppure seme che deve ancora sbocciare, questa pittura è comunque legata alla crescita, alla natura che non si ferma. Insomma, alla vita. Ecco petali di sangue, pulsare di fiori, succo di nuvole d’aurora, venti di fragole e raggi ciliegie che ci circondano. Per Ada l’uomo, anzi la donna
– perché il suo universo che crea e nutre è dichiaratamente femminile – sente il battito del mondo che la circonda, vive dello stesso respiro. Se la evoco dipingere la vedo all’aperto, a imprimere sulla carta e sulla tela il riflesso del mondo naturale, l’anima delle piccole cose, quelle che non gridano e non si palesano con prepotenza. Quelle che semplicemente bisogna attendere. E riconoscere. Con l’esercizio della pazienza. Fin da subito ho pensato come fosse bello incontrare un’artista che sussurra, che non alza mai la voce e sceglie di andare a cercare, con costanza e caparbietà, cosa nasconde il silenzio. Qualche volta, partendo da lì, Ada decide di affrontare il crescendo dei suoi toni tenui, ma è sempre attenta a non forzarne l’armonia. Questa volta ha scelto una sinfonia in rosso: la grande tela in cui il colore si muove, si agita, si trasforma,libera la sua energia. Eppure tutto è controllato.
Nel suo lavoro c’è sempre questa doppia spinta: il caso che inventa e la mano che lo accompagna dando il ritmo, il tempo. Negli ultimi tempi Ada usa sempre di meno il pennello, lascia che sia il colore versato e poi leggermente mosso a elargire forme, ma il suo occhio vigila senza incertezza sull’ondeggiare del foglio. Abbiamo davanti soltanto ciò che lei in effetti ha voluto, come se esistesse davvero l’esattezza del caso. I colori di Ada, non irrigiditi nell’ordine dato dal pennello, si comportano, direbbe Borges, “come torrenti che rispettano le sponde”. Sanno già cosa cercare. E lo trovano. Si curvano, si inseguono, si attraversano l’un l’altro. È vero, come dice John Berger, che nessun metodo è perfetto e se lo fosse noi ne saremmo soltanto sgradevolmente colpiti. Ciò che amiamo, in fondo, sono proprio le imperfezioni: qui ci si incanta sui toni che sbiadiscono o s’infuocano, sull’incertezza dell’immagine, sul bordo scolorito e un po’ sfrangiato, su ciò che la carta ha afferrato, ma anche su quello che ha lasciato andare. E poi c’è la magia di un gesto che lentamente ti si rivela irripetibile. Per prima cosa Ada ha realizzato il quadro. Poi, i disegni, come i soffioni che ho visto vagare nel giardino del suo studio a primavera, sono come esplosi da lì: schegge, tracce, segni sparsi in giro, arrampicati sulle pareti della galleria. Se sosti a lungo davanti alle opere te ne senti risucchiato e nello stesso tempo protetto. L’universo della Mascolo è liquido: puoi ammirarne il bagliore della superficie, oppure scegliere di entrarci dentro, farti avvolgere da una materia in cui forme e forze non fanno resistenza, proprio come se Ada avesse costruito mondi d’acqua in cui immergersi. Fondali marini colorati d’alba. Poi c’è l’albero. Anche questo in frammenti, sembra voler misurare il limite vago tra la terra e il cielo attraverso una piccola costellazione di sorprese. Come Tuba, la pianta del Corano che cresce con le radici rivolte verso l’alto, anche qui non si sa bene dove sia l’inizio e dove la fine, nel caso ce ne fosse davvero una in tutte queste trasformazioni. “Proprio come per gli alberi – ha scritto Elif Shafak – ciò che permette agli esseri umani di crescere e di sopravvivere sono le radici. Ma a differenza di quelle degli alberi le radici degli esseri umani possono viaggiare”. Quelle di Ada sembrano arrivare da chissà dove e portare con sé il ricordo di ciò che hanno visto lontano da qui. E ci restituiscono l’inizio, il principio delle cose.

Lea Mattarella, Luglio 2009

 

Ada Mascolo – A 360°

La metafora del filo conduttore è innanzitutto un eufemismo. In primo luogo perché fra gli acquerelli su carta arches, le tavolette di cartone telato e la grande tela in seta il tema ricorre, diremmo quasi che il racconto si snoda; in secondo luogo, ciò che l’artista torinese intende sollecitare è proprio la linearità, vagheggiando uno strappo di quel filo di memoria ariannea. Si potrebbe così leggere l’operazione di Mascolo come una destabilizzazione dello sguardo del visitatore occasionale, ma anche di chi interpreta da tempo la sua opera. Poiché assai spesso se n’è fornita una lettura “consolatoria”, debole nel senso del “pensiero” di vattimiana memoria e dell’omonima caratterizzazione del genere femminile. Cambiando radicalmente prospettiva, l’installazione dal titolo A 360° attirerebbe a sé le consuete posizioni critiche, per poi scardinarle dall’interno, con una grazia dia-bolica. L’intera operazione avviene sotto il segno della tensione fra coppie di opposti che stridono solo a una seconda lettura, per poi -ancor più a “fondo”- originare una sublimazione visiva. Altrimenti detto, si assiste a un’opera che apparentemente è stabile, mentre in realtà è basata su un equilibrio precario che si regge su un reticolo di opposizioni interconnesse. Si potrebbe iniziare osservando la dinamica instaurata all’interno di ognuno dei piccoli acquerelli lavorati a gesso, e quella che si sviluppa all’interno del quadrato di 81 lavori che essi formano. Dove a intersecarsi sono realtà e sogno, quotidianità d’uno studio e onirismo di un volo, natura rappresentata dai vegetali che nascono sulla cultura abitativa esemplificata da elementi d’arredo e mattonelle. Il risultato clamorosamente felpato è una sospensione delle coordinate spazio-temporali che avviene non per astrazione, bensì per accumulo. Per questo l’angolo giro del titolo è sì un’indicazione riferita a uno spazio totale, ma pure alla circolarità temporale. Il contesto de-lineato in tal modo non può dunque essere inteso come neutro sfondo per la figura femminile, che lo abita ma anche ne sfugge, o meglio vi galleggia all’interno come se le leggi fisiche in esso vigente fossero sospese à jamais. Il collasso categoriale si propaga agli aspetti tecnici, per cui ad esempio il tratto pare farsi cromìa e viceversa, e non è un caso che Ada Mascolo prediliga proprio l’acquerello, che smussa i confini in maniera tutt’altro che patologica. Al termine dell’indagine cede l’opposizione tra narrazione e forma, poiché se è innegabile una certa sequenza fra le decine di tavolette, la seta e gli acquerelli su carta, essa è il frutto di una decisione assunta dall’osservatore, anche e soprattutto a causa di elementi formali che eterodirigono la visione stessa.
Marco Enrico Giacomelli, 29 Aprile 2005